Botswana termina divieto di caccia agli elefanti

Il governo non ha fornito immediatamente i dettagli della sua nuova politica, tra cui quanti elefanti avrebbe permesso cacciatori di uccidere, e se la caccia sarebbe stato permesso di riprendere immediatamente.

Il Botswana ha circa 27.000 elefanti che vivono al di fuori delle aree di gestione della fauna selvatica che spesso entrano in conflitto con gli agricoltori, secondo Verreynne.

“Le comunità rurali sopportano il costo del conflitto tra uomo e fauna selvatica, ma sono in gran parte escluse dal reddito generato dalle industrie turistiche”, ha affermato. La revoca del divieto di caccia, ha aggiunto, potrebbe “essere uno strumento per fornire sostenibilità.”

In molte aree rurali, ha detto Verreynne, c’era” antagonismo che si formava contro l’influenza e l’interferenza occidentale ” che rappresentava una minaccia molto più grave per la conservazione rispetto alla caccia. Ma altri ambientalisti erano fermamente contrari all’idea di ripristinare la caccia agli elefanti.

In Africa, “un elefante viene ucciso dai bracconieri in media ogni quindici minuti”, ha detto Don Pinnock, giornalista di conservazione e autore di “The Last Elephants.”Botswana è l’ultimo rifugio per questi elefanti, e improvvisamente quel rifugio sta per iniziare a cacciarli.”

E ‘stata una” tragedia”, ha aggiunto Pinnock, che gli elefanti erano diventati” danni collaterali ” nell’accumulo di elezioni. “Il partito sta perdendo voti rapidamente e vuole aumentare i suoi voti nelle aree rurali consentendo la caccia agli elefanti”, ha detto.

Ci sono circa 415.000 elefanti africani in natura, secondo il World Wildlife Fund, distribuiti su 37 nazioni. La loro popolazione è considerata “vulnerabile”, scesa da tre a cinque milioni nel secolo scorso, in gran parte a causa della caccia non regolamentata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.