Chi sono i curdi?

I curdi sono in prima pagina. Alcuni esempi di ottobre 2019 includono Un secolo di tradimento: i sogni curdi di una patria sono sempre tratteggiati, dall’Economist, e i curdi sono le ultime vittime dello Stato-nazione, dalla politica estera.

I curdi sono il più grande gruppo etnico del mondo senza uno stato—sono principalmente divisi tra Turchia, Iraq, Iran e Siria—eppure hanno spesso svolto un ruolo importante nella politica estera degli Stati Uniti. Dall’inizio della guerra siriana nel 2011, i curdi sono stati fondamentali nella lotta contro lo Stato islamico con il sostegno degli Stati Uniti. Mentre respingevano lo Stato islamico, i curdi hanno istituito il loro governo democratico e laico nel nord della Siria. Tuttavia, nell’ottobre 2019, il presidente degli Stati Uniti Trump ha annunciato il ritiro delle truppe statunitensi dal confine tra Siria e Turchia, aprendo la strada all’esercito turco per attaccare i curdi.

Sebbene i curdi siano stati importanti per la politica e i conflitti nella loro regione, non sono ampiamente compresi al di fuori di quella regione. I recenti eventi che coinvolgono i curdi sollevano domande come: Chi sono i curdi? Perché sono divisi tra così tanti paesi del Medio Oriente? E qual è la responsabilità della comunità internazionale nei loro confronti? Questa idea di insegnamento aiuta gli studenti a esplorare queste domande al fine di comprendere meglio gli attuali sviluppi in Medio Oriente.

Contesto

I curdi sono un gruppo di persone in Medio Oriente che parlano dialetti correlati e condividono un’identità etnica. Con una popolazione di circa 30 milioni, i curdi sono il più grande gruppo etnico del mondo senza un proprio stato.1 Dal XVI secolo all’inizio del XX secolo, i curdi erano governati dall’impero ottomano e vivevano in regioni accanto a una serie di altri gruppi etnici.

Durante la prima guerra mondiale, mentre l’impero ottomano stava collassando, un movimento nazionalista turco prese il controllo di una parte dell’impero. Circa due milioni di armeni vivevano in questa regione, insieme a una significativa minoranza curda.2 Nazionalisti turchi hanno commesso un genocidio contro gli armeni, uccidendo circa 1,5 milioni di persone. Molti curdi che vivevano vicino agli armeni hanno contribuito a compiere il genocidio. Più tardi, i turchi tentarono di assimilare forzatamente i curdi nella nuova nazione turca.3 Il governo turco non si è mai assunto la responsabilità, né ha riconosciuto il genocidio armeno, ma molti gruppi curdi all’interno della Turchia moderna l’hanno fatto.4

Dopo il crollo dell’Impero ottomano alla fine della prima guerra mondiale, le potenze vittoriose ridisegnarono i confini e crearono nuovi stati. Ai curdi fu inizialmente promessa la propria patria indipendente in base al Trattato di Sèvres.5 Tuttavia, quel trattato non fu mai ratificato e le potenze europee negoziarono un nuovo trattato con la Turchia, il Trattato di Losanna. Questo trattato ha creato nuovi stati arabi, uno stato turco e uno stato armeno, ma non ha creato uno stato per i curdi. Invece, i curdi erano divisi principalmente tra Turchia, Iraq, Iran e Siria.

Per tutto il ventesimo secolo e fino al ventunesimo secolo, i curdi hanno combattuto periodicamente per l’indipendenza o per una maggiore autonomia e diritti nazionali fondamentali all’interno degli stati esistenti, e i loro sforzi sono stati spesso accolti con violenza e repressione dagli stati in cui vivono. In Turchia, la guerra tra i curdi e il governo turco dal 1984 al 1999 ha provocato più di 40.000 vittime, molte delle quali erano civili curdi.6 In Iraq, Sadam Hussein ha ordinato il massacro dei curdi, compresa la gassazione dei civili curdi, causando la morte di quasi 100.000 curdi iracheni tra il 1987 e il 198877.Più recentemente, le milizie curde sono state cruciali nella lotta contro lo Stato islamico in Iraq e in Siria, e alcuni curdi speravano che il loro ruolo in questa guerra potesse aiutarli a conquistare uno stato indipendente. Finora, tuttavia, i curdi non sono stati in grado di ottenere il sostegno internazionale e il riconoscimento di cui hanno bisogno per formare uno stato curdo, ma continuano a spingere per una maggiore autogoverno e autonomia regionale nei paesi in cui vivono.

  1. Chi sono i curdi?

    Inizia leggendo i primi tre paragrafi dell’articolo del National Geographic Oggi, i curdi sono sparsi in quattro nazioni. Chi sono? con i tuoi studenti. Quindi, guarda le cinque foto nella presentazione nell’articolo. Chiedi ai tuoi studenti di prendere appunti su quanto segue:

    • Quali informazioni in questo articolo ti sono già familiari?
    • Quali informazioni ti sorprendono?
    • Quali domande solleva questo articolo per te? Cosa vorresti sapere di più?

    Chiedi agli studenti di condividere le loro risposte a queste domande con un partner o con la classe.

  2. Perché i curdi non hanno il loro Stato? Dovrebbero?

    Riproduci il video di Al Jazeera Chi sono i curdi? Cosa vogliono? E perché nessuno vuole darglielo? (00-1: 00) per i vostri studenti. (Nota: Fermare il video a 1: 00 minuto. La parte restante del video si concentra sul referendum per l’indipendenza curda in Iraq.) Mostra ai tuoi studenti una mappa della zona abitata dai curdi in Medio Oriente. Quindi, chiedi ai tuoi studenti di leggere la parte rimanente dell’articolo del National Geographic Oggi, I curdi sono sparsi in quattro nazioni. Chi sono?, che hanno cominciato a leggere nella prima attività.

    Dopo che gli studenti hanno esaminato i materiali, chiedi loro:

    • Chi ha deciso dove sono stati disegnati i confini moderni in Medio Oriente? Quali sono state le conseguenze per i curdi?
    • Come ha definito la comunità internazionale la sua responsabilità nei confronti dei curdi?
    • Cosa pensi che i governi debbano alle minoranze curde nei loro confini?
    • I curdi dovrebbero avere un proprio stato? Quali benefici potrebbero esserci dalla creazione di uno stato indipendente per i curdi? Quali potrebbero essere alcune delle sfide?

Estensione: la Comunità internazionale dovrebbe sostenere i curdi in Siria?

Seleziona una o più risorse dall’elenco sottostante da condividere con i tuoi studenti.

  • Vox video: Come i Curdi è Diventato un Giocatore Chiave in Siria la Guerra (5:42)
  • New York Times infografica: Come Nuova Siria ha Preso Forma
  • Vox video: Perché la Turchia Sta Invadendo la Siria (9:26)

Dopo aver esaminato le risorse, chiedete ai vostri studenti:

  • Perché il supporto milizie Curde e perché sono ora ritirato il supporto?
  • Quali responsabilità e obblighi ha la comunità internazionale nei confronti di gruppi minoritari, come i curdi, maltrattati all’interno dei confini dei singoli paesi?
  • Pensi che gli Stati Uniti dovrebbero continuare a sostenere i curdi in Siria? Perché o perché no?

Risorse aggiuntive

  • Per aiutare i tuoi studenti a imparare di più sulla formazione di nuovi stati dopo la prima guerra mondiale, usa la nostra autodeterminazione della lettura.
  • Usa la nostra lezione Nation Building per insegnare ai tuoi studenti il ruolo svolto dagli Stati Uniti nella creazione di uno stato armeno indipendente dopo la prima guerra mondiale.

Citazioni

  • 1 : Micheal Gunter, Routledge Handbook of the Kurds (New York: Routledge, 2019).
  • 2 : John Kifner, “Armenian Genocide of 1915: An Overview,” New York Times, n. d.
  • 3 : David McDowall, A Modern History of the Kurds (New York: I. B. Tauris & Co Ltd, 2007).
  • 4: Fréderike Geerdink, I curdi in Turchia espiano il loro ruolo nel genocidio armeno, PRI, n. d.
  • 5: Erin Blakemore, Oggi i curdi sono sparsi in quattro nazioni. Chi sono?, National Geographic, 16 agosto 2019.
  • 6 : Erin Blakemore, Oggi i curdi sono sparsi in quattro nazioni. Chi sono?, National Geographic, 16 agosto 2019.
  • 7 : Samantha Power (2002),” A Problem from Hell”: American and the Age of Genocide. Harper Perenne: New York.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.