Cosa significa NPK? E altre nozioni di base sui fertilizzanti

Cosa significa NPK? È una delle domande più comuni dei giardinieri di verdure del cortile sui tre numeri sui sacchetti di fertilizzanti. Il tipo di fertilizzante che scegli influenza direttamente i risultati che ottieni, ma cercare di decifrare tra i tipi di fertilizzante nel negozio può rapidamente diventare confuso.

Quindi andiamo oltre alcune nozioni di base fertilizzanti essenziali.

Gli ingredienti del fertilizzante sono classificati come macronutrienti e micronutrienti. E anche se i micronutrienti sono certamente importanti, sono i macronutrienti che faranno la differenza tra un grande raccolto e un giardino.

In primo luogo, discutiamo che cosa compone il fertilizzante perché quello vi aiuterà a capire come analizzare i tipi di fertilizzante al vostro centro locale del giardino.

Giardini del cortile. Cosa significa NPK? Nozioni di base sui fertilizzanti per orti e giardinaggio

Un orto sano ottiene il giusto rapporto NPK per piante lussureggianti e verdure grandi.

Macronutrienti nel fertilizzante

I macronutrienti sono i nutrienti che le piante richiedono nelle maggiori quantità. Costituiscono la maggior parte dei nutrienti nel fertilizzante e sono referenziati nell’etichetta del rapporto N-P-K.

8-8-8-Fertilizzante

Cosa significa NPK?

  • (N) Azoto=Foglie e prati

Le piante useranno l’azoto per coltivare foglie verdi davvero graziose. Le piante occupano preferenzialmente l’azoto, quindi troppo sopprimerà la produzione di frutta.

  • (P) Fosforo= Fiori, frutti e radici

Le piante usano il fosforo per produrre e riprodursi. Così cresceranno forti radici sane e fiori e frutti adorabili. Tutte le piante da fiore e vegetali avranno bisogno di fosforo adeguato e non troppo azoto.

  • (K) Potassio=Alimentazione e lotta

Il potassio è necessario affinché le piante svolgano qualsiasi altra attività, quindi le piante hanno bisogno di un adeguato potassio per assorbire i nutrienti e combattere malattie e parassiti. (sì, le piante possono combattere i parassiti. No, non come un ninja, ma secernendo composti chimici che possono essere offensivi per i parassiti e / o attirare insetti predatori.)

Ecco un video utile per ulteriori informazioni su ciò che NPK sta per:

Nutrienti secondari

Questi nutrienti sono ugualmente importanti per la salute delle piante, ma sono necessari in quantità minori. La maggior parte dei fertilizzanti contiene una certa quantità di secondari e micronutrienti oltre a NPK.

  • Il calcio aiuta nella struttura della membrana cellulare rendendo forti radici e steli. Una mancanza di calcio è spesso affermato di causare putrefazione fine fiore.
  • Il magnesio è essenziale per la clorofilla. La clorofilla è un pigmento che aiuta le piante a convertire la luce solare in energia ed è responsabile del colore verde delle foglie. Le piante carenti di magnesio hanno spesso foglie gialle con venature verdi.
  • Lo zolfo è necessario per la costruzione di aminoacidi che formano proteine. Una carenza di zolfo può o molti non essere evidente, ma si può notare foglie pallide e vene così come la crescita stentata.

Micronutrienti

Le piante hanno bisogno di questi nutrienti aggiuntivi in quantità molto minori, ma non sono meno importanti se si vogliono piante e cibo sani.

  • Il boro è necessario per la crescita cellulare e la produzione di polline.
  • Il rame è un usato per il metabolismo e carenze sarà stunt crescita e causare ingiallimento delle foglie.
  • Lo zinco è un nutriente necessario per la crescita e il metabolismo.
  • Il ferro è anche importante nella produzione e nell’utilizzo di clorofilla e proteine.

Lettura correlata: 5 Cose incredibili epsom sale fa per le piante di pomodoro.

L’assorbimento dei nutrienti è fortemente influenzato dal pH del terreno.

Se hai problemi con problemi di nutrienti nonostante un’adeguata fertilizzazione, assicurati di controllare il pH corretto. Ci sono molti strumenti per controllare il pH del tuo terreno. Ogni pianta avrà un pH specifico che si comporta meglio in, ma la maggior parte delle verdure farà bene nel terreno con un pH vicino a 6.5.

Come faccio a sapere se le mie piante hanno bisogno di fertilizzante?

Idealmente, si dovrebbe inviare il terreno per essere testato presso la vostra agenzia di estensione della contea prima di piantare il vostro giardino. Testeranno il tuo terreno per i nutrienti e ti forniranno informazioni dettagliate su ciò che è nel tuo terreno e ciò che deve essere aggiunto.

Ma se ti dimentichi di farlo, puoi guardare le tue piante per segni di carenza di nutrienti come una perdita di colore verde e foglie ingiallite. Altri segni di carenza di nutrienti includono piante rachitiche, mancanza di produzione di frutta e caduta di fiori o frutta.

Scegliere il fertilizzante giusto per il vostro giardino vegetariano.

La vostra prima considerazione sarà se si desidera utilizzare fertilizzante organico o sintetico. Ci sono pro e contro per ogni tipo. Preferiamo usare prodotti biologici e solo raramente o per disperazione usiamo prodotti sintetici.

Fertilizzante organico

  • Il fertilizzante organico utilizza fonti naturali di nutrienti come letame, farina d’ossa e materiale vegetale.
  • I componenti organici non sono solubili in acqua e non lavano via.
  • L’utilizzo di fertilizzanti organici migliorerà la salute generale del suolo nel tempo.
  • Le fonti nutrienti organiche richiederanno una certa ripartizione nel suolo prima che le sostanze nutrienti siano disponibili alle piante.
  • Poiché richiedono una certa ripartizione, le piante non ricevono un’ondata immediata di sostanze nutritive.
  • Molti additivi del suolo del giardino sono una buona scelta per il fertilizzante organico

Fertilizzante sintetico

  • I componenti sono trattati per diventare solubili in acqua che li rende molto facili da assorbire per le piante.
  • Poiché i nutrienti vengono immediatamente assorbiti e utilizzati dalle piante, le piante subiscono una rapida crescita.
  • I fertilizzanti sintetici possono bruciare le piante se usati in modo troppo aggressivo.
  • I nutrienti vengono prontamente lavati via con irrigazione e pioggia, quindi devono essere riapplicati spesso.
  • L’uso eccessivo può portare a problemi di alghe nelle insenature e negli stagni vicini a causa del deflusso.
  • Nel corso del tempo, i giardini trattati esclusivamente con fertilizzanti sintetici diventeranno sempre più impoveriti di sostanze nutritive.

Analizzando il rapporto N-P-K

Sopra abbiamo parlato di cosa significa NPK: Azoto-fosforo-potassio, ma è necessario essere in grado di utilizzare il rapporto NPK per decifrare tra i tipi di fertilizzanti.

Molti fertilizzanti sintetici usano un rapporto 3-1-2, il che significa che è più concentrato in azoto seguito da una moderata concentrazione di potassio e fosforo nella concentrazione più bassa.

Ricorda che azoto = foglie e prati.

Un alto contenuto di azoto è ottimo per erbe e prati. Pertanto, i fertilizzanti per erba e prato sono formulati con fosforo basso o zero e azoto elevato.

Ricorda che fosforo = fiori, frutti e radici.

Per fertilizzare un orto, cerca che l’azoto (il primo numero) sia uguale o meno concentrato del fosforo (il numero medio).

Qualsiasi fertilizzante che scegli dovrebbe contenere anche potassio (l’ultimo numero) affinché le tue piante possano assumere sostanze nutritive, ma ai fini di un giardiniere domestico, non preoccuparti tanto della concentrazione di questo nutriente.

Quindi il fertilizzante 5-10-10 o il fertilizzante 5-10-5 andrebbe bene per le tue verdure.

fertilizzante organico garantito analisi

In un orto alimentare, provare un fertilizzante organico con maggiore concentrazione di fosforo per piante sane robuste cariche di prodotti. Ma non aspettare che siano gialli per applicarlo.

Vai avanti e aggiungilo prima o al momento della semina e riapplicalo ogni 3-4 settimane.

Usare il compost in giardino è un altro modo per fertilizzare delicatamente e naturalmente le tue piante. Se si fanno abbastanza del proprio o devono acquistare compost organico, è grande da usare come terriccio e terriccio.

Leggi il mio articolo sulla scelta di un bidone del compost.

Una considerazione finale: alimentatori pesanti vs alimentatori leggeri

Molte piante da fiore e fruttificazione come i pomodori sono alimentatori pesanti. Queste piante avranno bisogno di una fornitura costante di fertilizzante per crescere in modo sano attraverso la stagione di crescita. L’aggiunta di fertilizzante organico al foro di impianto al trapianto è ideale per queste piante.

Le radici rientrano nella categoria dell’alimentatore moderato. Hanno bisogno di terreno sano per crescere correttamente. Il compost vegetale biologico (senza letame) è la scelta migliore per questi ragazzi.

Verdi e fagioli sono gli alimentatori leggeri che richiedono la minima quantità di integrazione.

Pianta alimentatori pesanti dove gli alimentatori leggeri sono cresciuti l’anno scorso e viceversa. Le colture rotanti in questo modo sono più sane per il suolo.

11528Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.