Stare con Malala

Dona ora

Unisciti alla lotta per l’educazione per tutti.

Nel 2012, Malala Yousafzai, una ragazza di 16 anni di Swat, in Pakistan, è stata uccisa insieme ad altri due bambini mentre lasciava la scuola in autobus. Ora vive nel Regno Unito, Malala è tornata in classe e parla per i milioni di ragazze pakistane che sono disperate per andare a scuola.

Malala ha ricevuto il Premio Nobel per la pace 2014 per il suo lavoro a favore dell’educazione delle ragazze e dei diritti dei bambini. Lei è il più giovane mai destinatario del premio. L’UNICEF applaude l’incredibile spirito e il coraggio di Malala.

Milioni di bambini hanno negato il diritto all’istruzione

A livello globale, si stima che 57 milioni di bambini in età scolare non siano a scuola. In molte parti del mondo, le ragazze hanno meno probabilità di iscriversi rispetto ai ragazzi. In alcune zone del Pakistan, solo un bambino su cinque nelle scuole è una ragazza.

Alcune ragazze vivono in zone dove non ci sono scuole, o le tasse di iscrizione sono costo-proibitivo. In alcuni casi, quando i genitori possono permettersi solo di mandare un figlio a scuola, i figli sono favoriti rispetto alle figlie. In altri casi, le ragazze sono regolarmente discriminate-negato un ” istruzione a causa del loro genere.

Il mandato dell’UNICEF al servizio delle popolazioni più emarginate focalizza un’attenzione particolare sulle ragazze, fornendo assistenza per identificare le ragazze a rischio e farle entrare a scuola, sostenendo i governi e le comunità nel migliorare l’accesso per quei bambini che sono più difficili da raggiungere o soffrono maggiormente di discriminazione, e fornendo programmi per eliminare le barriere culturali, sociali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.